Il fumetto del mese – gennaio 2013

Nel momento in cui uno dei quotidiani italiani più venduti e letti ci ripropone (a pagamento) un ormai mitico personaggio del fumetto francese degli anni ’60,’70 e’80, Michel Vaillant, noi ve lo proponiamo (in prestito gratuito) e in edizioni d’antan.

vaillant003Jean Graton ha creato il personaggio di Michel Vaillant nel 1957, e fece la sua comparsa, all’interno della serie di Tintin, in un racconto breve intitolato I quattro assi alla 24ore. A questa faranno seguito altre quattro storie che fanno conoscere Michel Vaillant al grande pubblico.
Il primo album autonomo (La grande sfida) esce, sempre allegato a Tintin, nel 1959, e continueranno fino al 1976. In seguito al successo, l’autore verrà aiutato da una squadra di disegnatori sotto il nome di Studio Graton, mentre il suo terzo figlio, Philippe Graton, diverrà, dal 1994, lo sceneggiatore della serie.
Gli amanti delle corse automobilistiche e del fumetto non possono scappare dal fascino di Michel Vaillant.

La Biblioteca Meridiana vi offre i seguenti titoli editi dalla nostrana Alessandro Distibuzioni nel 1986:

– Il forzato
– Il pilota scomparso
– Lo sconosciuto delle 1000 piste

collocazione FUM MIC

Il film del mese – gennaio 2013

Il film di questo mese è il Don Giovanni di Joseph Losey (ovviamente, su libretto di Da Ponte e musica di Mozart), bellissima versione cinematografica dell’omonima opera universalmente conosciuta. yourcenar002

Spalleggiato dal servo Leporello un gentiluomo veneziano seduce le sue vittime. Sembra tutto facile, ma questo modo di comportarsi gli riserva un amaro finale.

Ecco cosa ne scrisse il Corriere della Sera nel 2004: «”Il vecchio muore, il nuovo non può nascere e in questo interregno si verificano i fenomeni morbosi più svariati”: con questa epigrafe di Antonio Gramsci, Joseph Losey poneva un’ ipoteca di lettura sul suo Don Giovanni cinematografico. Un Mozart quasi brechtiano? Oggi, mutato il contesto culturale, si sta attenti soprattutto alla musica: e Ruggero Raimondi, Teresa Berganza e Kiri Te Kanawa sono esaltati dal Dolby Digital. Quanto alle scelte scenografiche – ambientare la storia in Veneto, sullo sfondo di architetture palladiane -, le reazioni sono contrastanti oggi come allora: catalogo patinato, o tentativo di trovare un corrispettivo alla razionalità delle note di Wolfgang Amadeus? Di certo è un Don Giovanni metallico e crudele, sontuoso e freddo, che deve più di una suggestione al Casanova di Fellini».

DAVID DI DONATELLO 1980 PER LA MIGLIORE PRODUZIONE (JOSEPH LOSEY).

Venire a vedere per giudicare: lo trovate in Meridiana alla collocazione 2076

Il libro del mese – gennaio 2013

Questa volta vi proponiamo un libro: Il tempo, grande scultore (Le temps, ce grand sculpteur) di Marguerite Yourcenar

yourcenar001Una serie di pagine saggistiche di straordinaria suggestione, scritte in tempi diversi e secondo le occasioni più varie. Una scrittura in cui il gusto erudito, l’intensità di taluni punti di osservazione privilegiati, una particolare attenzione al destino delle arti si mescolano in termini di sensibilità, di abito morale e di resa poetica.

Michelangelo e la Sistina; la crudeltà femminile; l’erotismo medievale; in difesa degli animali; la facilità sinistra del morire; il tantrismo: sono alcune delle schegge di questo libro, pensate in tempi diversi e secondo le occasioni piú varie.
Una scrittura in cui il gusto dell’erudito, l’intensità di taluni punti di osservazione privilegiati, una particolare attenzione al destino delle arti si mescolano in termini di sensibilità, di abito morale, di resa poetica. E subito chi della scrittrice francese conosce le pagine narrative ritroverà quanto già anima le memorie di Adriano: i saggi qui raccolti ne costituiscono il risvolto, o, piú propriamente, l’ordito, attraverso il flusso di una riflessione continua che dall’intelligenza delle cose, tramite il filtro dello stile, approda a una classica misura di meditazione.

Potete trovare questo libro nella nostra biblioteca nella sua pregiatissima prima edizione italiana (Einaudi, 1985) alla collocazione 843.914 YOU

Se vi piace lo stile asciutto e incisivo della Yourcenar, potrete trovare presso di noi anche questi altri titoli:

– Alexis, o Il trattato della lotta vana : romanzo   1983
– Archivi del Nord      1982
– Come l’acqua che scorre : tre racconti   1983
– Il labirinto del mondo
– Memorie di Adriano seguite dai taccuini di appunti      2002
– Mishima, o La visione del vuoto      1982
– L’opera al nero : romanzo      1983
– Quoi? l’éternité      1989
– Tribou : intervista a Marguerite Yourcenar

Il disco del mese – gennaio 2013

Ciao, eccoci rientrati alla base dopo le festività natalizie, e lo facciamo presentandovi una nuova “rubrica” di proposte d’ascolto, di lettura e di visione. Ogni mese.

Ecco la prima proposta d’ascolto per il mese di gennaioWim_Mertens-Motives_For_Writing-Frontal:Wim_Mertens-Motives_For_Writing-Trasera

una collezione dei pezzi tra i più energici del primo Mertens, questo disco del 1989 s’avvicina molto ai lavori di Michael Nyman. A differenza degli altri dischi del compositore belga, qui il pianoforte non rappresenta lo strumento centrale: la maggior parte dei brani sono composti per un piccolo ensemble di archi e fiati. No testament e The personell changes si rivelano lavori stridenti, dal ritmo precipitoso; Words on the page è dal gusto irrequieto, va cercando un responso a quel che sta racontando; The Whole, infine, chiude l’album con una nota  vittoriosa e vagamente amara. Nel complesso, un album interessante, anche se leggermente distaccato, freddo. Non è ancora il Mertens caldo, dalla voce melodiosa di Stratégie De La Rupture (1991).

Potete ascoltare il disco proposto in Meridiana, sia in cd (collocazione RK 1054) che in vinile (RK 998)